Trasferta amara in terra toscana per Olimpia Teodora

IL TABELLINO:

Ariete Pallavolo Prato: Tamburini (L), Mazzoni 1, Saletti 8, Ricci, Fanelli 8, Nesi 3, Goretti 2, Palandri 8, Grosso 5, Falseni 9, Nuti 1. N.e. Piccini, Vignuzzi, Gianni, Cecchi. All.: Nuti

Olimpia Teodora: Pagliara (L2), Macchi (L1), Monaco 6, Pioli 7, Baravelli 3, Ghiberti 1, Bendoni 2, Comastri 7, Ravaglia, Balducci 4. N.e. Fusaroli, Munteanu, Ronchi. All.: Marone

ARBITRI: Buanchini e Carifi

PARZIALI: 25-23, 25-16, 25-14

LA PARTITA:

Torna a mani vuote l’Olimpia Teodora dalla seconda trasferta di campionato. La partita con Prato Volley Project presentava alcune insidie, tra le quali la forza delle avversarie reduci da una bella vittoria in trasferta e la loro voglia di togliere lo zero dalla casella successi casalinghi. Di contro le ravennati si presentano reduci da due sconfitte consecutive. Teatro della sfida la palestra San Paolo, storico impianto sede della vivace società pratese, molto attiva anche nel settore giovanile.

Le padrone di casa scendono in campo con Goretti al palleggio, Fanelli opposta, esterne Nesi e Saletti, centrali Palandri e Grosso, libero Tamburini, coach Marone schiera Pioli in posto 2 opposta alla regista Baravelli, Monaco e Balducci di banda, capitan Bendoni e Comastri al centro con Macchi libero.

Bella partenza da parte Olimpia Teodora con gioco fluido e attacchi ficcanti che si traduce nel primo allungo Ravenna sul 9-4. Prato reagisce con un pesante turno al servizio di Anna Saetti che mette in crisi tutta la linea di ricezione. Al parziale di 6-0 per le “totalblack” di casa fa seguito un 5-0 Olimpia fatto di difese e rigiocate ma la qualità al servizio delle toscane fa vacillare la seconda linea giallorossa e in breve si torna ad una situazione di parità a quota 16. Fine set punto a punto con Prato che va sul 24-22 e chiude sfruttando il secondo set point.

Non male per Ravenna anche l’avvio del secondo parziale. Una potente pipe di Pioli è un tocco di seconda intenzione di Baravelli portano al +3 (7-4) poi +4 sul 9-5 ma Prato reagisce sulla spinta di una ricezione precisa e con potenti attacchi soprattutto da posto 2 e da 4 dove il coach di casa Nuti ha inserito Falseni al posto della capitana Nesi. Prato mantiene sempre alto il livello del servizio, impatta a quota 11, sorpassa e tira dritto mettendo in confusione le giallorosse non permettendo più riavvicinamenti. È 2-0 Prato.

Il terzo set nonostante un illusorio iniziale 3-1 Ravenna fa ben capire che sarà l’ultimo della partita. Le nere di casa picchiano duro, difendono e allungano prima sul 12-9 poi volano letteralmente via e chiudono definitivamente la partita.

A fine partita Max Rinieri dirigente ed assistente allenatore, lucidamente analizza il match: <<Non dobbiamo dimenticare che abbiamo una squadra giovanissima composta in buona parte da Under 18 ed esclusi Vania e Valentina (Baravelli e Macchi) anche le altre più esperte sono ragazze di vent’anni con responsabilità diverse rispetto a quando hanno militato anche in categoria superiore. Se lavoriamo con fiducia il nostro sarà un campionato di crescita. Abbiamo dimostrato di poter giocare a tratti ad altissimo livello, purtroppo la gioventù porta a non reggere sempre questi ritmi e cedere anche perché viene a mancare la tranquillità al cospetto di squadre già più strutturate per la categoria. Guardiamo avanti e costruiamo, ci sarà tempo per guardare la classifica>>.

Dopo questo terzo stop consecutivo, Olimpia Teodora sarà chiamata al riscatto tra le mura amiche della Palestra Mattioli contro il Castenaso sabato prossimo.

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.