Le leonesse conquistano due punti preziosi a Marsala in un emozionante incontro combattuto fino all’ultima palla

La quinta giornata del girone di andata del Campionato di Pallavolo femminile di Serie A2 porta le leonesse della Conad Olimpia Teodora ad affrontare una lunga trasferta a Marsala per contendere, sul taraflex del Palasport “Bellina”, la posta in palio alla squadra fanalino di coda della classifica.
Le leonesse di Ravenna sono consapevoli che le siciliane scenderanno in campo fermamente intenzionate a riscattarsi di fronte al proprio pubblico ed è per questo che sanno di dover mettere da parte le fatiche della lunga trasferta e tirare fuori sin da subito gli artigli.
Prima del fischio d’inizio, su disposizione della Lega, viene osservato un minuto di silenzio in memoria del dirigente federale Ivan Ciattini, recentemente scomparso.

Parte forte Marsala che prende il largo. Sul punteggio di 8 a 5 per le padrone di casa, coach Angelini chiama il primo time out della partita. Ravenna torna a farsi sotto (10-8) poi però è di nuovo Marsala a spingere sull’acceleratore, alimentando il distacco che, su un lungolinea della ex Olimpia Jasmine Rossini, arriva a sei lunghezze (17-11). Con un nuovo time out per Ravenna, si entra nella fase finale del set. Capitan Bacchi e compagne ritrovano sicurezza e si riavvicinano alle siciliane (18-15). È Marsala questa volta a chiedere il time out. Si prosegue a corrente alternata, poi sul 21-18, mentre la squadra di casa attraversa un momento complicato, il coach delle siciliane chiama il time out. Alla ripresa del gioco Marsala allunga nuovamente (24-18). Con Kajalina al servizio le leonesse riescono ad annullare i primi tre set point, ma alla fine sono costrette alla resa (25-21).

All’insegna dell’equilibrio l’avvio della seconda frazione di gioco (6-6). Marsala poi guadagna quattro punti di vantaggio (10-6) e coach Angelini chiede la sospensione del gioco. La capitana in battuta chiama la Conad alla riscossa. Nonostante la pausa time out voluta da Marsala (10-9), Ravenna passa in vantaggio (12-10) e, dimostrando grande grinta e carattere, approfitta del momento delicato che attraversano le padrone di casa per portarsi avanti di quattro lunghezze (16-20). Kajalina sugli scudi nella fase finale del set. Grazie ai suoi attacchi Ravenna si porta sul 19 a 24. Marsala riesce a riprendere il servizio ma è ancora l’opposto estone a firmare il punto finale del set (20-25).

Il terzo set inizia sulla falsariga del precedente. Su una palla contestata (5-5) Rossini ottiene un cartellino giallo per proteste. Sul 6 a 7 per Ravenna, le siciliane chiamano il time out. Questo terzo set è decisivo e per questo è molto sentito e combattuto dalle due formazioni in campo che procedono punto a punto (13-13). La tensione è palpabile, tuttavia le leonesse di Ravenna non si fanno intimorire nemmeno dal vivacissimo tifo sugli spalti di Marsala. Nella parte centrale del set le due formazioni procedono testa a testa (19-19), poi nel finale Ravenna riesce a distendersi (20-22) e a costringere Marsala al time out. Kajalina in battuta mette a segno una serie positiva, coronata da un importantissimo ace (20-24). Le siciliane riconquistano il servizio ma è Ravenna a chiudere il terzo set in attacco sul punteggio 21 a 25.

Nel quarto set Bacchi e compagne partono alla rincorsa delle padrone di casa che non demordono (6-2). Le leonesse si compattano e riducono a due lunghezze il distacco (9-7). Con Kajalina in battuta e un fallo di formazione fischiato a Marsala, Ravenna ritrova la parità (11-11). Come nel terzo set, anche in questa fase del match si torna a giocare punto a punto (15-15). Coach Angelini prova a chiamare la carica con un time out sul punteggio di 19 a 18. Marsala però si dimostra più reattiva, si porta avanti sul 21 a 18 e chiama il time out. La squadra di casa torna in campo galvanizzata e si porta avanti di cinque punti (19-24). Le leonesse riescono ad annullare il primo set point ma nulla possono sul secondo tentativo delle siciliane (20-25).

Kajalina e D’odorico, già con 20 punti a testa all’attivo, guidano le romagnole verso il caldissimo finale dell’incontro. Il tie break inizia con le leonesse che mettono a terra la prima palla. Ravenna è concentrata e allunga le distanze (1-5). Le siciliane però si riavvicinano pericolosamente (5-7) costringendo coach Angelini a chiamare il time out. Si torna a giocare con Kajalina che chiude il punto che conduce al cambio campo (5-8). Nella seconda parte del quinto set Ravenna amministra i tre punti di vantaggio (9-12) e con freddezza ed esperienza si porta fino alla palla del match point che viene concluso dall’ace in servizio di Menghi.

 LA DICHIARAZIONE
Simone Angelini analizza a caldo il successo conquistato a Marsala al tie break: «Nel primo set le nostre avversarie sono partite molto forte e ci ha messo in difficoltà. Nel secondo e terzo set siamo partiti più tranquilli, abbiamo organizzato il nostro gioco, affidandoci ai nostri attaccanti. Siamo poi calati a fine quarto set e se stavamo più concentrati, specialmente come muro-difesa nel finale, riuscivamo a portare a casa tutti e tre i punti. Va bene comunque perché non è facile giocare una trasferta così lontano da casa, in più le nostre avversarie avevano bisogno di fare punti e hanno dimostrato grande attenzione. Hanno fatto un’ottima partita, hanno difeso tantissimo e battuto benissimo».
Coach Angelini chiede alle sue ragazze concentrazione sin dalle prime battute di ogni set: «Per quanto ci riguarda possiamo dire che i set in cui siamo partiti avanti siamo stati bravi a condurli fino alla fine, nei set in cui siamo stati messi subito in difficoltà non siamo riusciti a rimontare lo svantaggio. Questo conferma quanto già detto in precedenza, ovvero che dobbiamo sempre partire concentrati sin dall’inizio di ogni set».
«Fare due punti in trasferta va sempre bene» – conclude Angelini – «muovere la classifica va sempre bene. Poteva essere una vittoria da tre punti ma è comunque una vittoria. L’imperativo è fare punti con tutte le squadre da media classifica in giù, con le “grandi” vedremo il da farsi e guarderemo la nostra classifica solo alla fine del girone d’andata».

SIGEL MARSALA – CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA: 2-3 (25-21, 20-25, 21-25, 25-20, 10-15)
Durata set: 25‘, 24’, 23‘, 25’, 14’; tot. 111‘
Arbitri: Stefano Caretti e Antonella Verrascina.
SIGEL MARSALA
Mucciola, Cazzetta (L), Furlan 10, Rossini 13, Merteki 22, Marinelli (L), Agostinetto 5, Murri 1, Biccheri 4, Facchinetti 8, Ventura Ferreira 11, Gabbiadini.
All.: Francesco Campisi.
Vice all.: Luciano Tagnesi.
Muri 11, ace 7, battute sbagliate 12, ricez. 43%, attacco 45%.
CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA
Bacchi 17, Paris (L), Neriotti 2, Ceroni, Aluigi, D’odorico 22, Scacchetti 3, Torcolacci 4, Menghi 13, Panetoni (L), Kajalina 23, Vallicelli.
All.:Simone Angelini.
Vice all.: Moris Meloni.
Muri 13, ace 6, battute sbagliate 10, ricez. 49%, attacco 38%.

CLASSIFICA
S.G. Marignano 14, Soverato 13, Cuneo 13, Club Italia 12, Olimpia Teodora Ravenna 11, Mondovì 9, Chieri 8, Trento 7, Collegno 6, Olbia 5, Perugia 4, Orvieto 4, Baronissi 4, Brescia 4, Montecchio 3, Caserta 2, Marsala 1.

 PROSSIMO TURNO DI CAMPIONATO
Mercoledì 1 novembre, alle ore 17.00, per la quinta giornata del girone di andata del Campionato Italiano di Pallavolo Femminile di Serie A2 la Conad Olimpia Teodora Ravenna ospiterà al PalaCosta la Bartoccini Perugia.