Conosciamo meglio Dominika Strumilo

Dominika, come ti sei ambientata a Ravenna?
“Devo dire che amo l’Italia e mi piace stare a Ravenna. Penso che sia bellissimo essere qui perché è carino poter vivere all’interno di un centro storico così bello ed essere anche vicino al mare, che mi piace molto. L’ambientamento con le compagne all’inizio è stato un po’ particolare perché con molte c’era la barriera della lingua, ma ora dopo un paio di mesi mi trovo assolutamente bene con tutte. Sto provando a imparare un po’ di italiano e in alcune situazioni cerco di farmi dire cosa significano certe parole. Credo che siamo un bel gruppo e mi piace anche molto come lavora lo staff, quindi non posso che dire cose positive su questo avvio”.

Ti aspettavi di essere al secondo posto in questo momento della stagione?
“Non avevo delle aspettative particolari perché non conoscevo il livello di questo campionato. Ora che ho visto le avversarie e come stiamo lavorando noi, credo che questa squadra possa andare molto lontano. Sono soddisfatta soprattutto perché qui a Ravenna si lavora bene e in maniera molto professionale, quindi sono felice del secondo posto e spero nella seconda parte del campionato potremo anche migliorare la nostra posizione”.

Cosa ti sta piacendo di più dell’Italia?
“Dell’Italia amo il fatto che è davvero ricca di cultura e nelle città che ho potuto visitare ho visto che gli italiani hanno una loro identità ben precisa. Lo stile di vita qui è molto diverso rispetto ad altri paesi europei, ma ho notato che sono tutti molto felici di vivere nel loro paese e fieri della propria cultura, della propria architettura, della propria lingua e del proprio cibo. Questo è molto bello ed è un punto comune un po’ ovunque”.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?
“Non ho molto tempo libero tra pallavolo e studio, ma finora ho avuto modo di visitare qualche città italiana qui nei dintorni come Firenze, Verona, Bologna e Rimini. Ho l’opportunità di farlo avendo l’auto e vivendo qui, quindi perché non andare a scoprire città che non potrei scoprire se non fossi qui?”

Qual è il tuo sogno come giocatrice?
“Vorrei dire giocare alle olimpiadi, ma credo sia praticamente irrealizzabile perché, realisticamente, sarà quasi impossibile per la mia nazionale arrivarci. Il torneo di qualificazione che giocheremo a breve, infatti,m potrebbe sembrare un piccolo campionato europeo per il livello dei partecipanti. Però, insomma… mai dire mai! A parte questo vorrei giocare la Champions League e, attualmente, sogno di andare in Serie A1 con questa squadra!”.